01 aprile 2009

Prova delle novità in OpenSolaris 200811

Con le novità di OpenSolaris 10 200811 le possibilità di gestione dei database Oracle (e non) si moltiplicano e si aprono nuovi scenari di utilizzo.

La novità più divertente è il Time Slider, che può apparire come un gadget invero molto utile ma per PC desktop e notebook, invece si rivela interessantissimo per i DBA, come vedremo presto con la prova con Oracle.

Ora il desktop di Solaris 10 deve sembrare molto simile a quello che avevano in mente alla Apple prima dell'introduzione di Time Machine. Visto che era in previsione l'adozione di ZFS come filesystem universale, cosa che poi non si è verificata, è intuibile che Time Machine sia stato lo sviluppo naturale di un sistema di versioning per i file che sostituisse le immense potenzialità di ZFS, senza però adottarne la tecnologia. I limiti derivanti da questa scelta sono del tutto accettabili per l'utente desktop, ma non per l'utente enterprise.

Time Slider si può impostare tramite il menù System-Administration:

dove si può decidere di quali filesystem (alla ZFS) vengono fatti gli snapshot.
Una volta scelto il default (tutti) il risultato è che viene impostato un attributo del filesystem per l'auto-snapshot:


Una novità ulteriore è lo sviluppo di soluzioni integrate per lo storage di rete SAN e NAS, raggruppate sotto il nome di COMSTAR. Tramite un server Solaris Express o Opensolaris e COMSTAR è possibile costruire una SAN a basso costo (per ora solo Fiberchannel), utilizzando ZFS come storage.
Per maggiorni informazioni su COMSTAR è meglio leggere direttamente il manuale.

Sembra che Sun "sponsorizzi" la ricerca su nuove soluzioni a basso costo tramite la comunità Open Storage.

A breve le prove con Oracle e Time Slider: stay tuned!

Nessun commento: