24 febbraio 2009

Ext4, le novità per i database

Recentemente è uscita la versione stabile di ext4, l'evoluzione del noto filesystem di Linux ext3. Chi ha il kernel Linux 2.6.28 o superiore può provare subito le nuove feature.

Leggendo le novità introdotte non si può fare a meno di pensare all'utilizzo con i database. Alcune novità, infatti, sembrano state "ispirate" dal mondo Oracle.

Per ora l'indirizzamento di ext4 è a 48 bit, non a 64 come si potrebbe immaginare, e ciò introduce limiti che, benché difficilmente raggiungibili, sono altrettanto facilmente evitabili; è comunque prevista un'upgrade in futuro.

Molto interessante è l'introduzione degli extent, ovvero insiemi di blocchi contigui che il filesystem considera come un'unica entità, concetto preso direttamente da Oracle.
I vantaggi potrebbero essere: una maggiore velocità, allocazione dello spazio più veloce.
È presente anche la deframmentazione online, che però a mio parere è una soluzione un po' finta a un problema quasi inesistente, in quanto in storage di un certo livello, anche piuttosto basso, i dati vanno a finire in locazioni del disco logico che non hanno relazione fisica tra loro, anche se logicamente contigui. Penso che questo concetto sia alla base della relativamente bassa perdita di performance di ZFS e tutti i filesystem copy-on-write, specialmente quando utilizzati su storage multidisco.
La preallocazione permette di preallocare lo spazio su disco in modo efficiente e contiguo, come fanno ad esempio i programmi di P2P. Per utilizzare questa feature è necessario richiamare una funzione apposita dell'API glibc, quindi bisogna probabilmente attendere che il codice dei database server venga aggiornato.

Ho installato una macchina virtuale di prova con Red Hat 5.3, che dispone di una technology preview di ext4, solo in modalità "dev", quindi comunque non stabile.
Purtroppo constato che non è possibile utilizzare blocchi di dimensione superiore a 4 KB, di fatto impedendo una utile ottimizzazione nei confronti dei blocchi di database di dimensioni maggiori (tipico 8 KB nel caso di Oracle).

Ext4 può essere un significativo passo avanti nella gestione di filesystem grandi e può aiutare sia nella gestione che nella performance dei database, soprattutto Oracle, ma trovo che grandi novità strutturali non ci siano state, almeno non come quelle di ZFS, fin dal suo rilascio.

Per ZFS si preannunciano interessantissime novità, come la possibilità di tornare indietro nel tempo proprio come Time Machine della Apple.

Troveremo il tempo di approfondire tutti questi argomenti.

Nessun commento: